Accolto il ricorso della società calabrese, riammessa in Serie C a quarantotto ore dall’inizio del campionato di terza serie. Occhio ai ripescaggi: in lizza Agropoli per la D ed Hermes Casagiove per l’Eccellenza

Svolta in Serie C a poco più di quarantotto ore dal fischio d’inizio nella stagione 2017-18. La Corte Federale d’Appello ha accolto la richiesta della US Vibonese Calcio, la quale viene riammessa di diritto al Girone C della terza serie dei campionati italiani di calcio. La decisiona e ha preso alla sprovvista la Lega Pro, dichiaratasi “stupita” in una nota ufficiale diramata al termine dell’Assemblea di Lega di quest’oggi. Inizialmente la Vibonese era stata inclusa nel Girone I di Serie D e nell’ultimo weekend era riuscita a superare il primo turno di Coppa Italia di Serie D, ora si prospetta un cambio di programma che ha fatto esplodere di gioia l’intera piazza di Vibo Valentia. Ed ora verosimilmente scatterà una reazione a catena niente male in sede di ripescaggi. L’Agropoli spera per la Campania nell’approdo in quarta serie nonostante sia stato respinto illo tempore il ricorso, ma ora ci sono tutti i presupposti affinché venga accolto un nuovo ricorso da parte della società campana. Prima però dovrà attendere la decisione del Muravera, club sardo primo ad aver diritto a una possibile riammissione in quarta serie. Il ripescaggio per i campani sarà comunque certo in caso di una possibile esito positivo del TAR sull’esposto della Lumezzane, che ha fatto ricorso per l’ammissione alla nuova Serie C. In caso di buona riuscita, l’Hermes Casagiove è in pole per il ripescaggio in Eccellenza.