Esordio con sconfitta nel derby per la Sarnese di Condemi. Turris a picco dopo il ko con il Nardò. Sprofonda l’Aversa

Panebianco riapre il campionato. Il giocatore del Gravina al 95′ fa 3-3 con la capolista Gravina e mostra le debolezze di un Potenza che sembrava imbattibile. Una frenata importante con le inseguitrici che non si lasciano scappare l’occasione. Una grande Cavese si avvicina: basta la rete di Fella, la solita difesa bunker e il Taranto è al tappeto, una rincorsa eccezionale per gli uomini di Bitetto che fanno sognare la piazza. Stesso discorso per l’Altamura. I pugliesi di misura sconfiggono il Picerno e l’Altamura sale a 31 punti. Stop inatteso per il Cerignola. La formazione di mister Grimaldi si fa bloccare dal cenerentola San Severo e sciupa la grande chance, un pari amarissimo per la compagine allenata dal tecnico napoletano. La Frattese risorge: successo nel derby di Gragnano grazie al penalty di Signorelli e per la compagine di Peviani arriva una boccata di ossigeno importante, mentre i padroni di casa perdono una grande occasione per distaccare una rivale e si ritrovano nuovamente risucchiati in zona play out. Il Pomigliano dà un calcio alla crisi con Alfano: Nappi torna alla vittoria grazie alla rete di Alfano nel derby con la Sarnese e scaccia via tutte le nubi sul suo futuro. Per Condemi esordio con ko, la Sarnese sprofonda e serve tamponare l’emorragia per non piombare nella zona rossa. Cade la Turris. I corallini non sono più brillanti come ad inizio stagione e il Nardò passa di misura, una sconfitta pesante da digerire per mister Carannante e compagni, la classifica è preoccupante con la zona retrocessione ad un passo. Chi sta peggio è l’Aversa. La sconfitta interna con il Francavilla non ammette repliche, i casertani perdono con una diretta concorrente, la situazione resta in bilico e la cura Marasco non ha sortito effetti, uno stop che apre ferite e che fa piombare l’Aversa in zona rossa. Infine, in rimonta il Manfredonia si aggiudica il derby con il Molfetta.