Categoria: COPPA ITALIA SERIE D

La Coppa Italia Serie D 2016-2017 è la diciottesima edizione della manifestazione. Il quadro complessivo delle squadre partecipanti corrisponde a quelle iscritte al campionato di Serie D 2016-2017. La competizione si svolge interamente a eliminazione diretta. Ha preso il via il 20 agosto 2016 e terminerà il 13 maggio 2017 con la finalissima che si giocherà in campo neutro

Disco rosso a Bisceglie: Frattese out dalla Coppa Italia di Serie D

Termina in terra pugliese l’avventura della squadra nerostellata di mister Nello Di Costanzo. I napoletani sono usciti sconfitti per 2 reti a 1 dal “Gustavo Ventura” di Bisceglie, finendo la propria avventura nella competizione tricolore a un passo dalla semifinale. Dopo le reti di Partipilo e Montinaro, a nulla è servita la rete di Longo a cinque dal termine e il forcing nel finale. La Frattese era l’unica squadra campana rimasta ancora in corsa nella Coppa di Serie D. Un’uscita tuttavia tra gli applausi per la formazione di Frattamaggiore nella gara a eliminazione diretta di Bisceglie, team che in precedenza aveva eliminato un’altra campana, la Nocerina. 

Coppa Italia Serie D: Frattese, assalto alla semifinale

I nerostellati saranno chiamata ad un autentico forcing in trasferta a Bisceglie, terza forza del Girone H di Serie D 

A distanza di più di due mesi dal rotondo successo sulla Torres la Frattese è di nuovo impegnata in Coppa Italia. I nerostellati oggi alle 15,00 scenderanno in campo al Gustavo Ventura per affrontare il Bisceglie nei quarti di finale che si disputeranno in gara secca. Se la partita dovesse chiudersi sul punteggio di parità dopo i tempi regolamentari si procederà immediatamente alla lotteria dei calci di rigore. Longo e compagni vogliono arrivare fino in fondo alla competizione e onorare al meglio la Campania, essendo l’unica compagine campana rimasta in corsa per la vittoria finale. La Frattese aveva iniziato questa stagione partecipando alla Tim Cup, uscendo subito (1-0) nel primo turno contro il Cosenza (31 Luglio 2017). Nella Coppa Italia riservata alle compagini di Serie D la Frattese allora allenata da Liquidato esordì con vittoria per 5-2 contro la Gelbison, poi eliminare nei Sedicesimi la Cavese ai calci. Gli stessi rigori con i quali il Bisceglie aveva eliminato la Nocerina nei Sedicesimi di finale. In casa i pugliesi sono una squadra tosta da domare ma la Frattese è pronta per regalarsi un’altra impresa per puntare sempre più in alto. 

COPPA ITALIA. FC SORRENTO, Turi soddisfatto: “Reazione di carattere ed orgoglio”

Favetta: “Risultato importante; anche la Coppa è un nostro obiettivo”

“Ho avuto dalla squadra esattamente la reazione che mi aspettavo, con una prestazione di carattere e orgoglio dopo il mezzo passo falso casalingo contro il Sant’Agnello. Non dobbiamo però cullarci sugli allori perché abbiamo fatto soltanto il nostro dovere. Sarà fondamentale evitare qualsiasi calo di tensione ed approcciare tutte le partite allo stesso modo. La partita di questo pomeriggio dimostra proprio che quando la squadra esce dagli spogliatoi con rabbia e cattiveria, riesce a fare partite importanti anche su un campo ostico come quello del Cervinara, compagine che condivide con noi il gradino più basso del podio in campionato. Bisogna lavorare principalmente sulla testa, ed evitare che in futuro si ripeta ciò che è successo nel derby. La chiave di volta deve essere la continuità. In questo momento in campionato stiamo avendo dei black-out non solo tra una partita e un’altra, ma anche all’interno della stessa partita. Con la stessa cattiveria e ferocia agonistica vista oggi, possiamo divertirci ed ambire a qualcosa di importante. I nostri tifosi sono stati semplicemente spettacolari, perché ci hanno seguito numerosi anche a Cervinara nonostante una fredda giornata infrasettimanale. Mi auguro che riempiano sempre più gli spalti perché il loro apporto è fondamentale”.

La gara di Paolisi è stata aperta da Ciro Favetta, top-scorer della manifestazione tricolore con 7 reti. Padrone dell’area di rigore, oltre a muoversi su tutto il fronte d’attacco ed aprire gli spazi agli altri compagni di reparto, oggi è andato a segno con una sassata in diagonale di rara potenza.

“Un risultato che tutti noi volevamo fortemente, perché la Coppa Italia è un obiettivo importante e siamo scesi in campo con il piglio giusto per staccare il pass verso i quarti di finale. Dobbiamo continuare su questa strada per raggiungere obiettivi importanti. Grinta, passione ed attaccamento ai colori rossoneri sono elementi imprescindibili per far bene in questa categoria. Tutto ciò, unito alla qualità del nostro gruppo, ci permette di esprimerci al massimo livello. Per un attaccante è sempre bello andare in gol, ma personalmente antepongo sempre gli obiettivi collettivi a quelli personali e sono soddisfatto soprattutto per aver contribuito al passaggio del turno perché puntiamo alla conquista della manifestazione tricolore. La gara di Paolisi ci dà indubbiamente maggiore serenità e tranquillità. Da domani la testa sarà già rivolta a sabato, quando affronteremo la Rinascita Vico sullo sterrato di Carbonara di Nola. È stato molto bello vedere tanti tifosi gremire il settore ospiti dell’impianto caudino. Spero che possano essere sempre più numerosi con il passare del tempo perché il loro calore riesce a caricare anche noi sul terreno di gioco”   

Giovanni Minieri – Ufficio Sampa FC Sorrento

Errore dagli undici metri di Siclari e Nohman, la Nocerina saluta la Coppa Italia

Il match si conclude 1-1 dopo i tempi regolamentari, dal dischetto è fatale l’errore di Nohamn

La Nocerina esce dalla Coppa Italia attraverso la lotteria dei calci di rigore che ha emesso una sentenza alquanto particolare: tutti hanno segnato tranne gli attaccanti Nohman e Siclari, i pilastri dell’attacco molosso. Eppure a passare in vantaggio in avvio di ripresa al Guastavo Ventura di Bisceglie sono stati gli uomini di Simonelli grazie proprio a Siclari. Un vantaggio durato una ventina di minuti circa perché la squadra neroazzurra ha pareggiato i conti con il neo entrato Montinaro che su respinta di Sommariva ha segnato da posizione defilata. Dunque, dice addio alla competizione tricolore anche la Nocerina adesso a rappresentare la Campania in Coppa è rimasta soltanto la Frattese che ai sedicesimi aveva eliminato sempre ai rigori la Cavese. Adesso la Nocerina si concentrerà esclusivamente sul campionato e alla difficile trasferta in casa della capolista Gravina che la scorsa stagione eliminò i rossoneri dalla Coppa Italia Dilettanti Nazionale. 

BISCEGLIE 5–4 d.c.r. NOCERINA

BISCEGLIE: Testa, Biancola (98), Nitti (97), Prinari, D’Aiello (28’ s.t. Montalti), Miale, Agodirin (37’ s.t. Petta), Diop, Partipilo, Petitti (97) (20’ s.t. Pistola), Montinaro.

A disposizione: Del Franco (97), Delvino (98), De Giorgi (98), Cassano (97), Risolo, Di Cosmo (98).

Allenatore: Ragno

NOCERINA: Sommariva (97), Petruccio (98) (1’ s.t. Ciotti 99), Fiumara (98) (47’ s.t. Cacace) , Cuomo, Santeramo, Ramceski (97), Papini, Barone, Nohman, Aracri (33’ s.t. Milani), Siclari.

A disposizione: Caparro (99), Vitolo (98), Faiello (97), Coppola, Fella, Castaldi (98).

Allenatore: Simonelli

Arbitro: Longo (Paola)

Assistenti: Pizzi-Calvarese (Termoli)

Reti: 9’ s.t. Siclari, 29’ s.t. Montinaro (B)

NOTE: sequenza rigori: Montaldi (B) gol, Barone (N) gol, Partipilo (B) gol, Siclari (N) alto, Montinaro (B) gol, Milani (N) gol, Petta (B) gol, Cacace (N) gol, Prinari (B) gol, Nohman parato.

FC SORRENTO, TURI dopo il pari col Cervinara: “Possibilità di qualificazione invariate”

Il tecnico dei costieri contro l’Arbitro: “Negativa la gestione dei cartellini”

Queste le dichiarazioni del mister Mario Turi in sala stampa a fine gara:

POSSIBILITÀ DI QUALIFICAZIONE INVARIATE. “È un pareggio che a mio parere sposta di poco gli equilibri in vista della gara di ritorno tra 2 settimane a Paolisi. Il Cervinara ha indubbiamente un piccolo vantaggio per aver segnato una rete in trasferta, ma le possibilità di centrare la qualificazione restano assolutamente invariate. Andremo a giocarci la nostra partita sul terreno dei caudini e sarà il campo ad emettere il proprio verdetto”.

ROTAZIONI OBBLIGATE. “È chiaro che alcuni hanno fatto bene, mentre altri meno bene. La scelta del turn-over è stata fatta anche perché domenica abbiamo un’altra partita importante, e non è facile recuperare le forze quando si giocano tante partite in pochi giorni. Sapevo che sarebbe stata una partita dura e intensa che avrebbe potuto lasciare delle scorie in termini di energia a fine gara. Nel complesso sono soddisfatto, e mi dispiace soltanto aver preso gol perché un pari a reti bianche sarebbe stato un risultato migliore da gestire”.

DISTRIBUZIONE DEI CARTELLINI DISCUTIBILE. “Dalla panchina non si può avere una perfetta visuale ed è impossibile stabilire se la sfera sia entrata o meno in occasione della rete del pari. In ogni caso ci può stare che l’arbitro possa sbagliare, ed il suo operato va valutato non solo in quella singola occasione ma nel complesso dell’intera prestazione. Onestamente non mi è piaciuto il modo in cui ha condotto il resto della partita, anche perché credo sia stata determinante anche la distribuzione dei cartellini. Ad esempio Spasiano ha toccato per ben 3 volte il pallone con la mano senza essere mai ammonito, e lo stesso centrocampista caudino ha fatto pochi minuti prima la stessa entrata di Catalano che è stata valutata secondo un metro di giudizio diverso. Spasiano ha infatti ricevuto soltanto un giallo mentre a Catalano è stato sventolato in faccia un rosso diretto. Dobbiamo accontentarci degli arbitri che ci mandano, e personalmente ho l’abitudine di provare a dar loro una mano affinché non vadano in confusione. Sarebbe bello se tutti in panchina fossero più pacati perché i direttori di gara sbagliano come i calciatori e gli allenatori, perciò vanno aiutati e non condannati”.

TANTI ESPERIMENTI IN VISTA DEI PROSSIMI IMPEGNI. “Ho scelto di provare alcuni under in partite vere ed in posizioni che possano essere funzionali a qualcosa di diverso, perché gli avversari ti studiano e devi sempre trovare alternative per tentare di sorprenderli. Soprattutto nel primo tempo ho fatto diversi esperimenti, muovendo 3 calciatori d’attacco dietro la punta centrale. Qualcosa è stato fatto bene, altre cose sono invece ancora da rivedere”.   

Giovanni Minieri – Ufficio Stampa FC Sorrento

COPPA ITALIA DILETTANTI: a Grezio risponde Ioio, è 1-1 tra Casalnuovo e Sessana

Mercoledì 16 novembre la gara di ritorno; domenica trasferta sul campo della Real Albanova

Partita molto maschia allo Iorio tra Casalnuovo e Sessana, tanto da non sembrare un match di Coppa. Tanto agonismo in campo ma il primo tempo scivola via senza grosse emozioni con le due squadre a darsi battaglia a centrocampo ma senza vere palle goal. Per il primo tiro in porta nello specchio bisogna attendere il 40’, quando Bonavolontà con un’autentica telefonata chiama il semplice intervento di Sollo. Quattro minuti più tardi Grieco recupera un bel pallone a centrocampo e Puccinelli è bravo a imbeccare Caso Naturale con un bel lancio. Il sette di casa si libera bene a limite dell’area e riesce a imprimere alla sua conclusione grande potenza ma non la dovuta precisione: la sfera si perde non di molto sopra la traversa a suggello del pari ad occhiali dei primi quarantacinque minuti.
Archiviato un primo tempo dai pochi sussulti le due squadre perseguono nel contendersi la posta in gioco con tanto agonismo ma arrivano anche le occasioni da rete e soprattutto i goal. Al 49’ della ripresa i granata riescono già a rendersi pericolosi: un calcio d’angolo dalla sinistra di La Montagna non viene smanacciato a dovere da Maiellaro e sul pallone spiovente in area si avventa De Fenza che ci prova con un colpo di piattone a botta sicura. Il difensore granata si vede negata la gioia del goal soltanto dal muro ospite. Due minuti più tardi Ioio fa le prove generali della punizione che al 78’ gli consentirà di trafiggere Sollo: stavolta il suo tentativo è potente ma non angolato a dovere e l’estremo difensore di casa può allontanare senza troppi patemi con i pugni. Al 58’ ecco servito il vantaggio del Casalnuovo. Tufano con uno spettacolare gioco di gambe, un sinistro-destro per la precisione, si beve in volata Marino e la mette al centro. Il traversone è buono per Caso Naturale ma Arigò frana vistosamente addosso all’attaccante granata impedendogli di intervenire. Il Signor Nunziata di Torre Annunziata non vuole sentire ragioni e assegna il penalty: sul dischetto si presenta Grezio che spiazza Maiellaro senza problemi. La reazione degli ospiti non si lascia attendere e al 74’ Palumbo protegge bene palla in area per poi lasciar partire un missile che Sollo devia sopra la traversa con un autentico miracolo. Una manciata di minuti più tardi, al 78’ per la precisione, Ioio pareggia i conti con un calcio di punizione di pregevole fattura che scavalca la barriera e va a insaccarsi nell’angolino basso. Tutto da rifare per i padroni di casa: Mister Citarelli le prova tutte nel finale buttando nella mischia Sorrentino e Scippa. Dopo l’infortunio che l’aveva tenuto fuori per qualche settimana si rivede anche Platone, entrato al posto di Puccinelli pochi secondi prima del goal del vantaggio granata. All’80’ è proprio uno dei subentrati a rendersi pericolosissimo in area: Sorrentino stoppa con il petto un traversone dalla destra e in mezza girata trova il muro di Fava. Nel finale i granata ci provano e come ma gli ospiti sono bravi a congelare il risultato spezzettando notevolmente il gioco. Allo Iorio finisce 1-1: la Coppa rinnova l’appuntamento a mercoledì 16 novembre con la gara di ritorno. Non c’è però tempo di rifiatare: domenica per il Casalnuovo c’è la Real Albanova in trasferta.

IL TABELLINO DEL MATCH:

CASALNUOVO 1–1 SESSANA 1915

[Casalnuovo (NA), 02-11-2016 | “Iorio” | ore 14,30]

CASALNUOVO: Sollo, Castaldo, Pelliccia, La Montagna (84′ Scippa), De Fenza, Giannino, Caso Naturale (66′ Sorrentino), Puccinelli (55′ Platone), Grezio, Tufano, Grieco.

A disposizione: Di Fiore, Matino, Romano, Cerbone.

Allenatore: Citarelli.

SESSANA 1915: Maiellaro, Marino, Arigò, Zamparelli, Viglietti, Gargiulo (66′ D’Abronzo), Esposito (52′ Grieco), Bonavolontà (77′ Marrafino), Ioio, Fava, Palumbo.

A disposizione: Vrola, Masturzo, Matrullo, Barone Lumaga.

Allenatore: De Michele (in panchina Russo).

ARBITRO: Nunziata (Torre Annunziata).

ASSISTENTI: Russo e Pregevole (Torre Annunziata).

RETI: 58’ (rigore) Grezio (C) ; 77’ Ioio (S).

NOTE: spettatori 50 circa ; angoli 3-8 ; ammoniti Pelliccia, Giannino (C), Arigó, Zamparelli, Gargiulo, Fava, Marraffino (S).

Claudio Pietro Esposito – Addetto Stampa ASD Casalnuovo

Tabellino a cura di Chrystian Calvelli

COPPA ITALIA DILETTANTI: Tris del San Tommaso al Castel San Giorgio

Prestazione convincente dell’undici di Ciaramella, decide una tripletta di D’Acierno 

Netto e convincente successo per il San Tommaso che supera con un secco 3-0 il Castel San Giorgio, gara valevole per l’andata degli ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti. Sugli scudi, come si evince dal tabellino, Luigi D’Acierno autore di una tripletta. Per l’attaccante di Grottolella è il settimo centro stagionale, il sesto realizzato in coppa.

PRIMO TEMPO – Pronti via e dopo appena quattro minuti di gioco è D’Acierno a  sbloccare la gara raccogliendo un cross dalla destra e battendo con un tocco sottomisura il portiere ospite. I grifoni insistono e vanno ancora vicini al gol con un bel tiro di Cucciniello (di poco a lato) e con un colpo di testa di D’Acierno che si stampa sulla traversa. Al 29’ Inserra, dopo una bella percussione, entra in area e subisce fallo. Il direttore di gara non può fare altro che decretare la massima punizione. E’ D’Acierno a presentarsi sul dischetto ma la conclusione della giovane punta colpisce il palo interno. Il rigore sbagliato non demoralizza i ragazzi di mister Ciaramella che vanno ancora vicini al raddoppio con una conclusione di Inserra che viene mandata in angolo da De Luca. Sul finire della prima frazione di gioco arriva il raddoppio: cross dalla destra di Tucci che trova pronto D’Acierno per il 2-0.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa sono gli ospiti a partire meglio e a farsi vedere dalle parti di Imbimbo con Rizzo ed Esposito che non creano però grossi pericoli. Al 27’ però D’Acierno decide di chiudere definitivamente i conti sfruttando al meglio un assist di Del Sorbo e battendo con un secco diagonale il portiere ospite. Al 34’ della ripresa il San Tommaso resta in dieci per il doppio giallo di Tucci. Con l’inferiorità numerica il San Tommaso commette l’errore di abbassarsi troppo e in almeno due circostanze rischia di subire il gol della bandiera ma prima Napoli e poi il subentrato Ferrara peccano di precisione. A fine gara il San Tommaso può festeggiare una vittoria che lascia ben sperare per la sfida di domenica con il Solofra, valevole per la nona giornata di campionato. Per quanto riguarda la coppa, i grifoni torneranno in campo il 16 novembre per il ritorno degli ottavi di finale.

SAN TOMMASO – CASTEL SAN GIORGIO  3-0

Reti: 4’pt, 44’pt e 27’st D’Acierno

SAN TOMMASO: Imbimbo, Tucci, Cotumaccio (20’st Mallozzi), Cucciniello (15’st Capaldo), Squitieri, Schioppa, Renna (5’st Del Sorbo), Pingue, D’Acierno, Inserra, Oladapo. A disp.: Olivieri, Tornatore, Coluccino, Giannattasio. All.: Ciaramella.

CASTEL SAN GIORGIO: De Luca, Somma, Nocerino (1’st Romano), Guariniello, Olimpo, Vitiello, Esposito, Faggiano, Napoli, Rizzo, Di Marino (1’st Ferrara). A disp.: Cesarano, Maio, Starita, Polizzi, De Rita. All.: Amarante.

Arbitro:  Cardella di Torre del Greco.

Espulso: Tucci al 34’st per doppia ammonizione

Note: si è giocato allo stadio “Roca” di Avellino. Spettatori circa cento. Al 29’pt D’Acierno fallisce un rigore colpendo il palo interno.

Raffaele Buonavita – Ufficio Stampa A.C.D. San Tommaso