Promozione, il S. Cecilia passa il testimone: Cicalese pronto a guidare il Città di Eboli

Dopo cinque anni l’ex presidente dell’Ebolitana è pronto per tornare a fare calcio nella sua città

Si prospetta un’estate frenetica ad Eboli. Oltre al calciomercato dell’Ebolitana 1925, club neopromosso in Serie D dopo sette anni di assenza che sta costruendo la nuova rosa per affrontare la quarta serie, in città sembra vi siano novità in vista per quanto riguarda la seconda squadra, ovvero il S. Cecilia Eboli, retrocesso dopo un solo anno di Promozione dopo aver scalato, in cinque anni, tutte le gerarchie partendo dalla Terza Categoria nel 2012. La società gialloblù guidata da Donato Domini potrebbe passare il testimone: pare che ci sia un reale interessamento di una cordata ebolitana con a capo una vecchia conoscenza eburina come Armando Cicalese pronta a rilevare il titolo sportivo e a fondare una nuova realtà cittadina, l’ASD Città di Eboli. Cicalese, salito alla ribalta nel 2004 quando, da ultras, divenne il numero uno dell’Ebolitana e approdò in Serie D dopo un campionato stravinto, riuscì a condurre nel 2011 i biancoazzurri in Lega Pro, per poi lasciare Eboli dopo un anno. Dopo svariate esperienze, tra cui l’ultima a Gaeta come direttore generale, Cicalese ha deciso di tornare a fare calcio nella sua città e a fondare il Città Di Eboli, che probabilmente inoltrerà domanda di ripescaggio e prenderà parte alla prossima Promozione. Il direttore generale della nuova realtà con molta probabilità sarà Dino D’Ambrosio mentre il ruolo di allenatore verrà ricoperto da Modesto Mangieri, ex tecnico di Real Agropoli e Poseidon 1958. Con l’Ebolitana neopromossa in Serie D, ecco una nuova realtà minore della città, pronta a dire la sua in campionato.