La formazione di Borrelli domani cerca la terza vittoria interna contro il Mondragone, squadra che in trasferta ha sempre trionfato in questo avvio di campionato

AFRAGOLA – Sfida di fondamentale importanza per l’Afragolese, attesa domenica mattina al Moccia contro il Mondragone. La squadra di Borrelli, dopo il pareggio maturato nel finale col Giugliano e le polemiche del dopo partita, è chiamata a vincere nella propria casa per potersi presentare, nel miglior modo possibile, allo scontro diretto col Savoia. Di contro si troverà il Mondragone, reduce dalla disfatta interna con la Maddalonese, ma osso duro in trasferta. Lo dicono i numeri, che vedono i granata con uno score di tre vittorie su tre e cinque gol fatti e zero subiti lontani dal Conte. Numeri impressionanti per il team di Carannante, una squadra giovane che, soprattutto fuori casa, mostra il meglio di sé sviluppando un gioco attendista e di contropiede, rivelatosi letale contro Mariglianese, Vollese e Sessana. Assenze pesanti per L’Afragolese che sarà priva di Fammiano e Pianese, due titolarissimi, e dovrebbe gioco forza riproporre un centrocampo completamente over con Ruscio, arretrando uno tra Zanfardino e Maiello in difesa: a farne le spese dovrebbe essere Ciano, mentre davanti conferma per Scielzo che partirà a destra per rimpiazzare appunto Pianese. L’Afragolese dovrà dunque stare attenta alla velocità di Lepre e Sequino e alla gioventù di Milone, calciatori che potrebbero mettere in difficoltà la retroguardia rossoblù. Sulla carta, però, non c’è partita ed, alla lunga, dovrebbe venire fuori il maggior tasso tecnico e l’esperienza degli afragolesi che, spinti dal loro caloroso pubblico, devono vincere per poi concentrarsi a pieno sul Match che, a conti fatti, potrebbe scrivere un pezzo importante di campionato.