Categoria: Allievi Regionali

Campionato Regionale Allievi organizzato dal Settore Giovanile e Scolastico del Comitato Regionale Campania Figc – Lnd, al quale prendono parte tutte le società che presentano domanda di iscrizione, la maggior parte sono società affiliate alla Figc e che svolgono scuola calcio.

La Boys Atripalda raddoppia e rinnova: da questa stagione sarà ASD Atripalda

Cambio di denominazione e una folta presenza nei campionati giovanili: grandi novità per una delle realtà più belle della cittadina irpina

Ad Atripalda le novità sono in fermento, quelle calcistiche non potevano essere piacevoli. Stando al comunicato ufficiale dell’ufficio stampa Scuola Calcio Boys Atripalda, a partire dalla stagione 2017/18, l’ACD Boys Atripalda cambia denominazione e chi si chiamerà ASD Atripalda. L’annuncio è avvenuto nella giornata di venerdì ed è stato ricevuto, inevitabilmente, con grandissimo entusiasmo dall’intera piazza. L’ASD Atripalda disputerà, inoltre, i seguenti campionati giovanili:

  • Juniores 1998/1999/2000
  • Allievi 2001/2002
  • Giovanissimi 2003/2004
  • Esordienti 2005/2006
  • Pulcini 2007/2008
  • Piccoli Amici 2009/2010
  • Primi Calci 2001/2012/2013

 

Fonte foto Pagina Ufficiale Facebook Scuola Calcio Boys Atripalda

Under 17: la finale Frattese-Sarnese si gioca a Casamarciano

Si giocherà al Comunale di Casamarciano in provincia di Avellino ai confini con quella di Napoli l’atto finale dell’Under 17

La finale del campionato Under 17 regionale campano tra la Sarnese e la Frattese si disputerà Domenica mattina 11 Giugno (fischio d’inizio ore 10:00) sul sintetico del Comunale di Casamarciano. Le due squadre che vedono impegnati giovani calciatori nati nel 2000 e 2001. Una gara molto sentita da entrambe le società che hanno alle spalle con un ottimo settore giovanile. I due allenatori, Parisio (Frattese) da una parte e Cirillo (Sarnese) dall’altra vogliono chiudere questa stagione in trionfo.

Under 17 Fase Finale Quarti | Colpaccio Frattese: 0-1 a Monte di Procida

Termina con un successo ospite di misura l’andata dei quarti al Vezzuto Marasco di Monte di Procida tra i padroni di casa e i nerostellati. Discorso qualificazione rimandato al match di ritorno, ma la Frattese ha dalla sua il fattore campo

MONTE DI PROCIDA (NA) – Al Vezzuto Marasco il risultato finale è 0-1 tra il Monte di Procida e Frattese nel match d’andata dei quarti Under 17 Regionale. Tutto lascia presagire che saranno scintille, agonistiche naturalmente, nei prossimi novanta minuti, nei quali sembra avere un sostanzioso vantaggio il club nerostellato in virtù del goal siglato in trasferta cui è valsa la vittoria, ma il calcio sa essere imprevedibile e nulla va dato per scontato. D’altronde, il Monte di Procida è ben organizzato, è un errore darlo per spacciato. Partita molto equilibrata quella disputata sabato, conditi da un primo quarto d’ora contratto e in fase di studio per le due squadre. Al 20′ è Borredon (M) a cercare di rompere gli equilibri: ben servito al centro da Petrone, il numero 16 calcia al volo, ma trovo un attendo Mondo ad intervenire in due tempi. Due minuti più tardi ci prova lo stesso Petrone, ma l’estremo difensore avversario non si fa trovare impreparato. I nerostellati faticano a trovare spazio, si dimostrano poco incisivi e l’unica azione pericolosa porta il nome di Cutolo, il quale indirizza sopra la traversa la palla dopo una bella azione di ripartenza. Cambia la musica nella ripresa, un po’ per il caldo, un po’ per l’atteggiamento diverso da parte degli ospiti, più decisi rispetto ai primi quarantacinque minuti di gioco Al 60′ dopo una serie di corner andati a vuoto, un cross di Cutolo in area trova Portanova che beffa una difesa disattenta e il portiere Amoroso con un sinistro al volo. Girandola di cambi, controllo del match della Frattese, ricerca arrembante del pareggio per i padroni di casa che sprecano due occasioni limpide con Petrone prima e Scotto Rosato poi, ma la Frattese si mostra molta attenta in fase offensiva , concedendosi anche le occasioni di un raddoppio letale tuttavia mai avveratosi con Oliva e Zuppieri. Triplice fischio finale e per i ragazzi di Parisio arriva il momento di gioire; è una vittoria molto importante, ottenuta per giunta in trasferta. Il Monte di Procida di mister Savino ha qualcosa da recriminare, ne esce disarmato dalle proprie mura, ma non è parsa una squadra spacciata in vista del ritorno in programma domenica 21.

Di seguito, ecco il tabellino del match:

MONTE DI PROCIDA – FRATTESE 1-1
[Monte di Procida (NA), 13-05-2017 | “Vezzuto Marasco” | ore 16,30]
MONTE DI PROCIDA:Amoroso, Di Meo, Parascandola, Pugliese, Coppola, Mancino (Cap), Petrone, Illiano, Race, Esposito, Gaudino.
A disposizione: Casolare, Longobardo, Scotto, Scotto Rosato, Borredon, Dorini
Allenatore: Savino
FRATTESE: Mondo, Di Caprio, Simonetti, Cutolo, Oliva, Colantuono, Passeri, Palladino, Petito, Portanova, Esposito.
A disposizione: Di Capua, Bassi, Spina, Sbaraglia, Cutolo, Zuppieri, Cerasole.
Allenatore: Parisio.
ARBITRO:
RETI: 60′ Portanova (F).
NOTE:

Ischia piange il giovane Paolo Scaglione, prematuramente scomparso

Calciatore 16enne dei Mini Allievi dell’Ischia Soccer, è venuto a mancare pochi giorni fa a causa di un male veloce e incurabile. Ieri era il suo compleanno, gli amici l’hanno doverosamente ricordato al Rispoli prima dell’incontro di calcio con il Villaricca

La puoi in faccia tu, la morte, ma lei no, è una soddisfazione che non ti concede. Che tu sia giovane, adulto o anziano, la morte non distingue in base all’età anagrafica, maledettamente colpisce e si fa beffa di te e dei tuoi cari, i quali inermi non possono fare altro che accettare un triste verdetto di vita. Sì, la vita. Perché essa non si misura attraverso il numero di respiri che noi tutti facciamo, ma tramite quei momenti, felici o drammatici come nel caso in questione, che ci smorzano il fiato e ci lasciano senza respiro. Un’isola intera piange la scomparsa di un suo figlio, Paolo Scaglione, un ragazzo di soli 16 anni che durante le feste di Pasqua era giunto alla terribile scoperta di avere un male incurabile alla testa. Militava nei Mini Allievi dell’Isola Soccer, pochi giorni fa è venuto a mancare. Strappato alla famiglia e ai suoi amici in così poco tempo. Ieri era il suo compleanno: amici, compagni di scuola, conoscenti, un’intera comunità l’ha ricordato e omaggiato allo stadio Rispoli di Ischia, prima del fischio d’inizio del match contro il Villaricca. Spalti gremiti, folla a bordocampo, tutti raccolti intorno ai loro familiari. Perché Paolo era amato non soltanto dalle persone a lui vicine, come testimoniano le manifestazioni d’affetto da parte dei suoi coetanei e degli adulti accorsi al Rispoli, ma anche dai suoi compagni dell’Istituto Mattei che lui frequentava. In tanti ancora lo ricorderanno nei prossimi giorni attraverso varie iniziative, perché da qualche giorno – suo malgrado – Paolo è una nuova stella, la più meravigliosa, che brilla nel cielo dell’Isola Verde. La redazione di Campania Football desidera esprimere le più sentite condoglianze, stringendosi attorno a tutta la famiglia Scaglione, agli amici di Paolo e al club Isola Soccer, in questo momento di forte dolore.

 

Di seguito, alcuni post e messaggi da parte degli amici di Paolo su Facebook:

“Sepolta da mille valanghe ho smarrito la felicità la cerco combattendo perché non possa guardarmi perché non possa fotografare la condizione del mio cuore che ora danza lento e immobile tra gli scogli dei ricordi che ora è qui deriso e stanco tra il ricordo e l’illusione. Te ne sei andato, senza averti potuto salutare, senza aver avuto il tempo di prepararmi a un distacco che lacera e ferisce di dolore la carne e l’anima. Questo accade sempre quando si perde un Amico”.

“L’Amicizia non si perde: è spirito che non si cancella, che resta come arricchimento, che sedimenta nell’intimo e ci consola, che vive nei ricordi e nelle emozioni. L’Amico si perde, momentaneamente come tutte le persone care che ritroverò nella Vita Eterna, ma il momentaneamente durerà comunque tutta la vita terrena; anche se fosse un giorno solo sarebbe un tempo enorme”.

“Ci hai onorati, rallegrati, arricchiti con la Tua Amicizia e questo è stato per me molto bello, è stato uno dei tanti segni della Grazia di Dio che ho ricevuto. Credo, sono sicura che è stato così per tutte le persone che hanno avuto come me questo privilegio. E siamo in tanti oggi sgomenti e sinceramente addolorati.La Tua è stata un’Amicizia fatta di entusiasmo generoso, di grande e disinteressata disponibilità, di appassionata condivisione, di serietà, di un affetto schietto e senza inutili fronzoli. Insomma è stata Amicizia; così io l’ho vissuta; così la terrò con me. Nelle ore che verranno con domani e coi prossimi giorni di questa vita racconterò a quelli che incontrerò dei nostri vecchi Amici cose che forse avranno dimenticato nell’affastellamento dei ricordi di una vita intera e loro mi racconteranno cose che forse ora non mi sovvengono. È così si celebra un Amico, senza retorica, senza bandierine di effimera durata, con l’allegria e la gioia che quei ricordi raccontano perché descrivono una persona come Te. Non ti dimenticheremo mai vivrai per sempre nei nostri ricordi”.

“Paolo Scaglione sei stato l’amico che tutti vorrebbero avere avuto. Non ti puoi immaginare quanto sto male, ricordo perfettamente quando dicevi vicino a me che ti faceva male la testa, quando non ci vedevi bene e poi alla fine ero io quello ad accompagnarti a casa. E già da quando avevo saputo che ti avevano portato a Napoli per me è stato un trauma e giorno dopo giorno non vedevo l’ora che tornavi. Tutti ti volevano bene dai più piccoli ai più grandi, eri per tutti un ragazzo specialissimo. Ne abbiamo passate tante insieme: partite sullo spalatriello, playstation, partite con la squadra di calcio, mangiate insieme, passeggiate, ragazze, risse ecc. ci confessavamo tutto eravamo come dei fratelli tra poco compivi 16 anni e speravo di venirti a vedere li a Napoli, ma purtroppo questa crudele realtà ti ha portato via da me, dagli amci, parenti e i tuoi genitori, e nulla potrà farti tornare dove siamo noi ora, da quando stamattina ho avuto la notizia non sto facendo altro che piangere però so che tu da lassù ci stai guardando e sono sicuro che se ora stavi qui affianco a me diresti “di mè a vuo frni” quindi tutti amici, parenti, genitori e tutti dobbiamo stare uniti, smettere di piangere e andare avanti perché Paolo non sarà qui con noi sulla terra ma ci starà guardando da lì su. Sei stato l’amico che tutti vorrebbero aver avuto grazie di tutto fratellone”.

Allievi Regionali: Mariano Keller campione. Al Vallefuoco decide Pandolfi

I leoni con il minimo scarto si aggiudicano la finale Allievi al cospetto della Promotion Soccer

Una conclusione ad incrociare sotto la traversa dal limit dell’area di Francesco Pandolfi decide la finale Allievi Regionale e permette alla Mariano Keller di aggiungere un altro titolo alla ormai ricca bacheca di trionfi nei campionati giovanili. Al “Vallefuoco” di Mugnano questa mattina alla presenza anche del Presidente della Lnd Cosimo Sibilia i leoni hanno alzato la coppa al cospetto di una Promotion Soccer uscita a testa alta nonostante il passivo.

MARIANO KELLER 1–0 PROMOTION SOCCER
[Mugnano di Napoli (NA), 14-05-2017 | Stadio “Vallefuoco” | ore 10,30]
MARIANO KELLER: Frola, Passaretti, Carlino (35’ s.t. Di Meglio), Ciotola, Di Dato, Rosolino, Marrone, Marrella (30’ s.t. Mennella). Puccinelli, Amendola, Pandolfi.
A disposizione: Minichino, Iervolino, Taiuto, Mennella, Di Meglio, Fiore, VItale.
Allenatore:Pianese.
PROMOTION SOCCER:Rinaldi, Mennella, Catalano, Severino (10’ s.t. Trinchillo) , Izzo (30’ s.t. Naviglia), Guarino, Palumbo, Pappagoda (10’ s.t. Formicola), Varriale, Blando (20’ s.t. Giordano), Cerrone.
A disposizione:Arena, Esposito, Sautto.
Allenatore:Esposito.
ARBITRO: Mirabella (Napoli)
RETE: 40’ p.t. Pandolfi

Finale Allievi Regionale: dirige Mirabella di Napoli

Arbitro di spessore, tra i più promettenti in Campania per la finale regionale del campionato Allievi di domattina al Vallefuoco

Dalla semifinale Play Off tra Cicciano ed Albanova della scorsa settimana alla finale del campionato Allievi tra Mariano Keller e Promotion Soccer. La settimana delle sfide delicate passano per il fischietto di Domenico Mirabella arbitro effettivo della sezione di Napoli che domattina al Vallefuoco di Mugnano arbitrerà la finale del campionato allievi regionale campano.