Categoria: PRIMA CATEGORIA

La Prima Categoria è il quarto livello dilettantistico del campionato italiano di calcio ed è organizzato dalla Lega Nazionale Dilettanti tramite i Comitati Regionali, per i quali rappresenta il terzo torneo per importanza dopo l’Eccellenza e la Promozione.

Raffaele Shassah alla Gescal Boys Marano: “Con questo club per vincere e rilanciarmi”

Il forte centrocampista di origini brasiliane ma napoletano di nascita si racconta a Campania Football. Tappe calcistiche ed aspirazioni del calciatore

NAPOLI | Un progetto quello della Gescal Boys Marano che inizia a prendere quota. Nuovo acquisto è il centrale di centrocampo Raffaele Shassah, calciatore dall’ottima visione di gioco che va ad arricchire la rosa che il direttore generale Alvino e il direttore sportivo Cuomo stanno allestendo e da affidare a mister Pelliccia per la stagione 2017/2018.

Raffaele Shassah in azione con al casacca dell’Afro Napoli United – foto Gaetano

Non inganni il cognome dalle chiare origini arabe, il ragazzo in questione è napoletano verace così come il protagonista in questione ci delucida: “Il cognome è di origine araba da parte di mia madre che è brasiliana di San Paolo, mentre mio padre è napoletano. Sono nato a Napoli il 4 maggio 1992 e sono napoletano ed italiano a tutti gli effetti”.

Possiamo dirlo, dal 1 luglio sei ufficialmente un tesserato della Gescal Boys Marano? Se si cosa ti ha convinto ad accettare la proposta del club maranese?Possiamo dirlo, ho definito gli accordi, sono a tutti gli effetti un calciatore della Gescal Boys Marano per la stagione 2017/2018. Ho accettato perché mi hanno esposto il progetto del club e mi ha subito convinto. Sono una società seria ed hanno un progetto per far rilanciare il calcio a Marano, una piazza calcistica importante e dalle grandi potenzialità. Altra motivazione è volermi rilanciare calcisticamente”.

Raccontaci le tappe della tua carriera calcistica: “Ho iniziato da piccolo a giocare nella Napoli Sud. Di li Vincenzo Marigliano mi ha portato alla Fiorentina Primavera dove sono stato alcuni mesi tesserato con il club gigliato. Sono stato poi tesserato con il Sansovino di patron Marco Virgili in Serie C2 dove ho qualche presenza in prima squadra ed anche un gol siglato al Torneo di Viareggio. Sono stato costretto poi a stare fermo un anno per via di un brutto infortunio al collaterale. In questo periodo ho conosciuto una donna capoverdiana con cui ho avuto un figlio di nome Jaison. Ho riiniziato a giocare in una squadra della zona centrale di Napoli, la Mindelo, club di estrazione capoverdiana militante nella 3° Categoria della provincia di Napoli. Poi il passaggio all’Afro Napoli United. Una escalation indimenticabile. Abbiamo vinto tre campionati in tre stagioni partendo dalla 3° Categoria fino ad arrivare in Promozione. Sono andato sempre in doppia cifra siglando in tre stagioni 45 gol in campionato ed arrivando a disputare una finale di Coppa Campania di 1° Categoria a S. Maria Capua Vetere perdendo per 1-0 con la Victoria Montesarchio. Tanti i ricordi belli, soprattutto la vittoria del campionato di 1° Categoria. La mia gara migliore la sfida vinta per 1-0 con la Virtus S. Antonio Abate. Il gol che ricordo con più piacere? Quello siglato in casa della Sanità. Sono partito dal centrocampo, ho stoppato la palla lanciata da un mio compagno di squadra. Mi porto la palla in velocità e con un tiro al volo raso terra realizzo nel palo opposto al portiere. Un gol per me importante, è stata una vera liberazione soprattutto perché ritornavo da un infortunio che mi ha tenuto lontano per un poco di tempo dal rettangolo di gioco. Nella scorsa stagione ho giocato pochissimo. Sono stato nella 1° Categoria nel Lazio nella squadra della Roma Nord. Solo due gare disputate ma dove ho segnato un gol”.

Descrivici le tue caratteristiche tecniche: “Fisicamente sono alto 1,86 per un peso di 76 kg. Calcio con entrambi i piedi con disinvoltura, il piede preferito è il destro. Ho una buona visione di gioco, mi piace avere la palla fra i piedi. In genere gioco avanti la difesa, vertice basso di centrocampo con ruolo di regista arretrato, non disdegno il tiro tanto che centro spesso lo specchio della porta e qualche volta piace segnare gol. Non disdegno anche la fase dell’incontrista, corro anche molto per la squadra andando facilmente al contrasto per rubare palla agli avversari”.

Fai un appello alla tua nuova piazza e ai tifosi maranesi: “L’obiettivo è quello di scendere in campo sempre per vincere. Vogliamo salire in Promozione. Alla piazza e ai tifosi maranesi dico di venirci a sostenere, questa società ha idee chiare, vuole progredire ed arrivare in categorie importanti”.

 

 

 

Grosse novità a Marano

Torna la prima categoria nella cittadina a nord di Napoli

A Marano si cerca di battere tutti sul tempo, infatti, già si sta lavorando a pieno ritmo per allestire una squadra competitiva che possa lottare per le posizioni di vertice, nel difficile campionato di prima categoria, la nuova realtà cittadina, ossia la Gescal Boys Marano, sarà affidata al mister Christopher Pelliccia, il quale si è concesso ai nostri microfoni.

Christopher dopo un anno di apprendistato tenti questa nuova avventura …..

Si dopo aver preso il patentino di UEFA B ed essermi fatto le ossa nel campionato di seconda categoria con la nobile decaduta GRUMESE con la quale da “allenatore in seconda” ho vinto il campionato collaborando con Carlo Sicuranza, ho deciso che era arrivato il momento di fare un passo avanti in questo mondo che per me è piu’ di una passione, è la mia vita.

Come mai questa scelta di collaborare con l’ambiziosa Gescal Boys Marano?

Come detto prima ho deciso di fare un passo avanti e mettermi in gioco in prima persona, prima di firmare per l’ambiziosa Gescal Boys Marano ho avuto anche proposte da varie società di seconda categoria e sopratutto sono stato molto vicino alla juniores del Quartograd, ma in quel caso ho dovuto declinare l’offerta per motivi lavorativi, poi quando mi è stato proposto di allenare questa squadra non ci ho pensato due volte, ho accettato perché potrò lavorare con persone che conosco a cui si è aggiunto anche il ds Nino Cuomo, con il quale sono entrato subito in sinergia, infatti, ci siamo subito trovati bene sulle idee del mercato.

Come nasce la Gescal Boys Marano?

Il dg Salvatore Alvino e il presidente Salvatore Zoccolella hanno avuto la possibilità di unirsi a Davide Perillo gestore del campo comunale di Marano, ed insieme sono riusciti a creare una bella realtà in una città importante come Marano, che tornerà a giocare in prima categoria dopo tanti anni.

A che punto siete con l’allestimento della squadra?

Logicamente è ancora presto la rosa è in fase di completamento, ho voluto fortemente qualche ragazzo che avevo con me la scorsa stagione (Correale, Sica e Sammarco), poi ho scelto Biscardi e Credentino, perché li conoscevo bene, inoltre la società mi ha regalato Massolino e Matola che reputo giocatori di altra categoria, ora nei vari raduni sceglieremo tutti insieme gli altri giocatori, ma vi do un’anticipazione sciamo vicini d un rosso colpo, cioè un ex Afro Napoli, protagonista lo scorso anno in promozione.

Quali sono gli obiettivi per la prossima stagione?                                                    

Sicuramente l’obbiettivo principale è quello di fare bene in un campionato difficile come la prima categoria, scenderemo in campo per giocare e vincere più partite possibili poi alla fine tireremo le somme, intanto, però mi godo questo momento con i tanti attestati di stima e complimenti che mi stanno arrivando, sono molto contento perché molti arrivano da persone che hanno fatto calcio vero.  io li ringrazio tutti e non vedo l’ora di cominciare.

Brillano a Nola le stelle del Gala’ AIC del Calcio Dilettante

Premi, siparietti ed emozioni al Teatro Umberto di Nola, splendida cornice del Gala’ AIC del Calcio Dilettante 2016/17. Forte partecipazione, ospiti illustri, riconoscimenti dalla Serie D al Calcio Femminile

Un ritrovo tra vecchi e nuovi compagni, tutti insieme come se fosse l’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze, che tali non saranno – il calcio non va mai in vacanza – per chi è al lavoro al fine di migliorare la rosa della propria società in vista della prossima stagione. Nella cornice del Teatro Umberto di Nola, luogo simbolo delle attività teatrali dell’agro nolano, è andato in scena ieri il Gala’ AIC del Calcio Dilettante, organizzato dal responsabile AIC Campania, Antonio Trovato, presentato da Giuliano Pisciotta, ufficio stampa AIC. Parterre de rois per l’occasione, a cominciare dal presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, al vicepresidente Aic, Umberto Calcagno, fino ad arrivare all’illustre presenza del presidente dell’Assoallenatori, Renzo Ulivieri, allenatore del Napoli in terra campana nella stagione 1998-99, annata con poche luci e molte ombre in Serie B per il club azzurro. Premiate le eccellenze campane quali le squadre che si sono contraddistinte nelle varie categorie (dalla Serie D alla Prima Categoria) nella stagione appena terminata, con un occhio di riguardo anche al calcio femminile. Targhe e trofei per i capocannonieri e i vicecannonieri, premiati per ogni singolo campionato e girone annesso. Premi speciali assegnati anche agli arbitri Guida della Sezione di Torre Annunziata e Russo della Sezione di Nola. Infine, spazio alle Top 11 riservato ai gironi di Eccellenza e Promozione.

 

Di seguito, ecco tutti i premi assegnati nel corso del Gala’:

PREMI ALLA CARRIERA
 – Mimi Gargiulo (allenatore)
 – Franco Villa (allenatore)
 – Alfredo Ballarò (allenatore)
 – Ciro Ianniello (calciatore)

PREMIO SPECIALE SALVATORE REA PER IL GRANDE IMPEGNO SOCIALE GIOVANI
 – Antonio Piccolo (allenatore)

PREMIO SPECIALE ARBITRI
 – Marco Guida (Sezione di Torre Annunziata, Internazionale)
 – Carmine Russo (Sezione di Nola)

 

SQUADRE VINCITRICI DI CAMPIONATO E PLAY OFF

MENZIONE SPECIALE per la FELDI EBOLI CALCIO A 5 (storica promozione in Serie A)
MENZIONE SPECIALE per la SARNESE ALLIEVI U17

SERIE C FEMMINILE
 – Virtus Partenope (campione)
 – Sant’Egidio Femminile (play off)

ECCELLENZA
 – Portici (campione Girone A)
 – Ebolitana (campione Girone B)

PROMOZIONE
 – Casoria Calcio 1979 (campione Girone A)
 – Bacoli Sibilla (campione Girone B)
 – Virtus Avellino (campione Girone C)
 – Costa d’Amalfi (campione Girone D)
 – Monte di Procida (vincitrice play off)
 – Eclanese (vincitrice play off)

PRIMA CATEGORIA
 – Comprensorio Casalnuovese (campione Girone A)
 – Puglianello (campione Girone B)
 – Carotenuto Mugnano (campione Girone C)
 – Polisportiva Lioni (campione Girone D)
 – Vico Equense (campione Girone E)
 – Campagna (campione Girone F)
 – Real Palomonte (campione Girone G)
 – Abellinum 2012 Atripalda (migliore seconda)
 – Gregoriana (migliore seconda)
 – Ponticelli (vincitrice play off)
 – Montesarchio (vincitrice play off)
 – Centro Storico Salerno (vincitrice play off)

CALCIO A CINQUE FEMMINILE SERIE C1
 – Athletic Ottaviano
 – Afragirl

 

CAPOCANNONIERI

SERIE C FEMMINILE
 – Giulia Olivieri (Sant’Egidio Femminile, 36 goal)

SERIE D
 – Fabio Longo (Frattese, Girone I, 23 goal)

ECCELLENZA
– Pasquale Carotenuto (Afragolese, Girone A, 33 goal)
– Vincenzo Liccardi (Ebolitana, Girone B, 22 goal)

PROMOZIONE
 – Paolino Nucci (Casoria Calcio 1979, Girone A, 27 goal)
 – Franco Palma (Monte di Procida, Girone B, 35 goal)
 – Vincenzo Torsiello (Virtus Avellino, Girone C, 23 goal)
 – Bartolo Guadagno (Scafatese, Girone D, 30 goal)

PRIMA CATEGORIA
 – Fabio Perna (Viribus Unitis, Girone A, 27 goal)
 – Davide D’Onofrio (Rione Libertà Benevento, Girone B, 30 goal)
 – Domenico Mazza (Carotenuto Mugnano, Girone C, 22 goal)
 – Agostino Roma (Polisportiva Lioni, Girone D, 32 goal)
 – Michele Mosca (Vico Equense, Girone E, 30 goal)
 – Pasquale Viscido (Atletico Faiano, Girone F, 28 goal)
 – Antonio Troiano, Gregoriana, Gruppo G, 38 goal)

CALCIO A 5 FEMMINILE SERIE C1
 – Onesta D’Angelo (American Sport Club, Girone A, 25 goal)
 – Fabiana Vecchione (Afragirl, Girone B, 42 goal)
 – Francesca Amato (Reghinna Minor, Girone C, 40  goal)

 

VICECANNONIERI

SERIE C FEMMINILE
 – Vittoria Ciccarelli (Frattese, 33 goal)

SERIE D
 – Emanuele Santaniello (Gragnano, Girone I, 18 goal)

ECCELLENZA
 – Gennaro Esposito (Savoia, Girone A, 24 goal)
 – Edmondo Campione (Battipagliese, Girone B, 20 goal)

PROMOZIONE
 – Giuseppe Liccardi (Albanova, Girone A, 20 goal)
 – Marco Mazzeo (Bacoli Sibilla, Girone B, 33 goal)
 – Giuseppe Guardabascio (Sporting Accadia, Girone C, 21 goal)
 – Adriano Barbarisi (Sanseverinese, Girone D, 24 goal)

PRIMA CATEGORIA
 – Peppe Guerra (Comprensorio Casalnuovese, Girone A, 23 goal)
 – Umberto De Matteo (San Marco Evangelista, Girone B, 26 goal)
 – Dario Avino (Intercampania, Girone C, 20 goal)
 – Domenico Pezzella, Polisportiva Lioni, Girone D, 29 goal)
 – Diego Bifaro, San Pietro Napoli, Girone E, 21 goal)
 – Mattia Costanzo (Campagna) e Diego Collina (Centro Storico Salerno, Girone F, 23 goal)
 – Domenico Cannalonga (Real Agropoli, Girone G, 24 goal)

CALCIO A 5 FEMMINILE SERIE C1
 – Diletta Macchiarella e Anna Lucia Braccia (Bisaccese, Girone A, 21 goal)
 – Giusy Moraca (Afragirl, Girone B, 34 goal)
 – Giorgia Mansi (Primavera Cavese) e Liliana Palumbo (Futsal Nuceria, Girone C, 33 goal)

 

TOP 11

TOP 11 ECCELLENZA GIRONE A: Maiellaro (Sessana), Loreto (Afragolese), Boussada (Portici), Di Pietro (Portici), Follera (Portici), Castaldo (Savoia), Di Paola (Afragolese), Olivieri (Portici), Fava Passaro (Portici), Carotenuto (Afragolese), Pesce (Afragolese) . Allenatore: Borrelli (Portici)

TOP 11 ECCELLENZA GIRONE B: Robertiello (Battipagliese), Pepe (Audax Cervinara), Bolzan (Sorrento), Vitiello (Sorrento), Landolfi (Ebolitana), Scognamiglio (Ebolitana), Siano (Battipagliese), Pecora (Battipagliese), Zerillo (Audax Cervinara), Mansour (Faiano), Liccardi (Ebolitana). Allenatore: Nastri (Ebolitana)

TOP 11 SERIE C FEMMINILE: Di Blasio (Virtus Partenope), Paolillo (Sant’Egidio), Bombara (Woman Calvizzano), Esposito (Virtus Partenope), Ferrara (Virtus Partenope), Orlando (Le Streghe Benevento), Ciccarelli (Frattese), Asta (Le Streghe Benevento), Ciccareli (Frattese), Olivieri (Sant’Egidio), Di Martino (Pontecagnano). Allenatore: De Risi (Sant’Egidio)

TOP 11 PROMOZIONE GIRONE A: Allocca (Olimpia Casalnuovo), Sparano (Cicciano), Soumareh (Virtus Goti), Folliero (Casoria), Sacco (Albanova), Gargiulo (Maddalonese), Pingue (Maddalonese), Russo (Villa Literno), Nucci (Casoria), Cerrato (Cicciano), Simonetti (Casoria). Allenatore: La Manna (Casoria)

TOP 11 PROMOZIONE GIRONE B: Mennella (Nuova Ischia), Chiariello (Nuova Ischia), Varriale (Ottaviano), Marigliano (Monte di Procida), Velotti (Afro Napoli United), Serino (Bacoli Sibilla), Lepre (Bacoli Sibilla), Camorani (Nuova Ischia), Mazzeo (Bacoli Sibilla), Palma (Monte di Procida), Cariello (Afro Napoli United). Allenatori: De Stefano (Bacoli Sibilla), Ambrosino (Monte di Procida)

TOP 11 PROMOZIONE GIRONE C: Mazzone (Vis Ariano), Guardabascio (Eclanese), Oliva (Virtus Avellino), Tirri (Virtus Avellino), Cucciniello (Virtus Avellino), Capossela (Eclanese), Santuossolo (Sporting Accadia), Cinque (Eclanese), Capodilupo (Vis Ariano), D’Avanzo (Baiano), Torsiello (Virtus Avellino). Allenatori: Criscitiello (Virtus Avellino) e Martino (Eclanese)

TOP 11 PROMOZIONE GIRONE D: Prisco (Rocchese), Bove (Calpazio), Carbonaro (Sanseverinese), Bencardino (Calpazio), D’Amora (Costa d’Amalfi), Ruocco (Calpazio), Barbarisi (Sanseverinese), D’Andria (Salernum Baronissi), Guadagno (Scafatese), Lettieri (Costa d’Amalfi), Criscuoli (Costa d’Amalfi). Allenatore: Contaldo (Costa d’Amalfi)

Plajanum Chiaiano scatenato: spesa all’Oratorio Don Guanella Scampia

Il direttore sportivo Carasta affida a mister Marino tre nuovi acquisti

NAPOLI | Un Plajanum Chiaiano scatenato: la compagine del presidente Iorio fa veramente sul serio. Il direttore sportivo Carasta affida a mister Marino altri tre nuovi acquisti di spessore per quel sogno chiamato Promozione. I tre innesti daranno quel salto di qualità alle velleità di classifica del club biancoverde e gli identikit corrispondono ai nomi di:

  • GALIANO LUIGI centrocampista classe 1989, ultima stagione all’Oratorio Don Guanella Scampia in Promozione. Cinque stagioni tra 1° Categoria e Promozione, in precedenza con le casacche di Mugnano City e Teverola.
  • RICCIO VIVIANO difensore classe 1981, ultima stagione all’Oratorio Don Guanella Scampia in Promozione. Ha militato oltre con il club guanelliano anche con Arzanese, Ottaviano e Baiano 1928 tra le altre squadre.
  • SCARPELLINI ALESSANDRO esterno basso e alto classe 1990, ultima stagione all’Oratorio Don Guanella Scampia in Promozione. Ha giocato anche con squadre del calibro di Neapolis, Rione Terra ed Acerrana 1926.

 

Entusiasti della scelta fatta, queste le parole da neo biancoverdi.

GALIANO: “Sono veramente felice e stimolato da questa nuova avventura, ho percepito subito delle belle sensazioni, ambiente pulito e ben organizzato, dove si fa calcio con passione e voglia. Conoscevo già mister Marino ed e inoltre ho ritrovato vecchi amici. La scorsa stagione hanno fatto davvero bene tanto da arrivare alla soglia dei play off. Non vedo l’ora di potergli dare una mano per migliorarci nel prossimo campionato”.

RICCIO: “Sono stato capitano dell’Oratorio Don Guanella. Al Plajanum Chiaiano troverò diversi ex compagni di squadra. Arrivo a Chiaiano con la consapevolezza di far parte di un ottimo gruppo e di una società vera”.

SCARPELLINI: “Arrivo a Chiaiano con tantissima voglia e motivazione di far un ottimo campionato. Ci vogliamo togliere delle grosse soddisfazioni”.

 

 

Novità da Sant’ Antonio Abate

Depositata in federazione la domanda per il cambio di denominazione

In arrivo grosse novità a Sant’Antonio Abate, infatti, è stata ratificata in giornata odierna da parte della Virtus Sant’ Antonio Abate, la richiesta di nuova denominazione, che in realtà è un ritorno al passato, infatti, se la FIGC di Roma ratificherà il cambio, dalla prossima stagione gli abatesi si chiameranno nuovamente Sant’ Antonio Abate 1971, con la speranza di ripercorrere rapidamente i fasti della gloriosa società giallorossa che per sette stagioni ha disputato la massima serie nazionale, ovvero la Serie D, con l’apice della vittoria della Coppa Italia nel 2011-2012. Ai nostri microfoni si è concesso il direttore generale Vincenzo Del Sorbo, che ha dichiarato: “Se da Roma non ci saranno problemi e quindi ufficialmente ci chiameremo dalla prossima stagione Sant’Antonio Abate 1971, chiederemo subito il ripescaggio al campionato di promozione, perché i giallo-rossi abatesi per storia e blasone, devono tornare il prima possibile nelle categorie che meritano, finche eravamo la seconda squadra cittadina, la prima categoria era adatta alla nostra dimensione, ma se riesco a riportare a Sant’ Antonio Abate la vecchia e gloriosa denominazione, punteremo in alto anche e soprattutto se avremo la risposta di tutti gli imprenditori abatesi, che un tempo erano una colonna portante della società e invece adesso tutti si sono allontanati, ancora non riesco a capire il perché nessuno si riavvicina a questa gloriosa maglia, il calcio a Sant’ Antonio Abate è morto quando oramai due stagioni fa, l’allora presidente decise di vedere il titolo al Sorrento, io allora tentai di far rinascere il calcio in città, ma da soli non si va da nessuna parte, perché ci vogliono in primis gli imprenditori e l’appoggio dell’amministrazione comunale, e non ultimo il supporto di quei magnifici tifosi, che negli anni gloriosi hanno girato l’Italia per sostenere la compagine del cuore, io ero uno di quelli che ha pianto e gioito per le sorti della gloriosa compagine giallo-rossa, perciò decisi di creare la Virtus Sant’ Antonio Abate, ma la Virtus era una mia passione, il mio vero amore era ed ancora il Sant’ Antonio Abate 1971, pertanto spero presto di coronare il mio sogno, adesso dobbiamo solo incrociare le dita, sperando che da Roma arrivi l’ok, cosi ci riprenderemo di nuovo quello che era già nostro, naturalmente voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno affiancato partendo da Gerardo Russo, Agostino F Fortunato, il dottore Marotta, l’avvocato Benvenuto e il presidente in carica Leonardo Di Riso, oggi è stato fatto solo un passo la strada è ancora lunga a breve saprete il seguito.”

 

Prima Categoria | Saviano, al lavoro per un campionato di vertice

Club al lavoro per allestire una rosa competitiva per la nuova stagione in Prima Categoria

Il Saviano è al lavoro e lo fa con lo spirito giusto di chi non vuole perdere tempo. Dopo aver ottenuto la conferma dal suo allenatore Rainone, uno degli artefici della conquista del campionato di Seconda Categoria con grandissimo merito e del trionfo in Coppa Campania contro la Sanmaurese, i neroverdi sono già al lavoro con il ds Simonetti. L’obiettivo è quello di allestire una compagine forte, competitiva, in grado fin da subito di lottare per i vertici della classifica.

La Barrese cala l’asso nella manica: Andrea De Rosa!!!

Il direttore non si accorda con la Neapolis e la storica formazione napoletana è vicinissima al dirigente per il nuovo e ambizioso progetto

De Rosa colpo di scena. Dopo l’addio con il San Pietro, il direttore napoletano è uno dei profili più ricercati. Sembrava cosa fatta con il Neapolis, ma l’accordo è saltato nella serata di ieri, una scelta consensuale tra le due parti che hanno preferito salutarsi piuttosto che continuare, una scelta condivisa che ha accontentato le due parti. E su De Rosa si è subito fiondata una compagine storica del calcio campano ed ha strappato l’accordo: si tratta della Barrese. La formazione napoletana ha grandi progetti, vuole ripartire alla grande in nome dello storico presidente Ercolino, ha la storia giusta e la voglia di fare ed ha individuato in De Rosa l’uomo giusto per fare il salto di qualità. Un direttore che ha dimostrato che la Prima Categoria è un campionato che conosce a memoria e che sa costruire grandi team e che ha accettato di “ridimensionare” le proprie ambizioni di Promozione in nome di una piazza storica come Barra. De Rosa-Barrese il connubio perfetto per rilanciare una formazione che vuole tornare nel calcio che conta. 

Prima Categoria Girone F, il quadro ufficioso della futura stagione 2017/18

Sulla carta il prossimo girone F di Prima Categoria che, tra promozione, salvezze e retrocessioni, dovrebbe avere 16 partecipanti

Con la promozione del Centro Storico Salerno nella giornata di ieri, si chiude il cerchio per quanto riguarda i verdetti del girone F di Prima Categoria. Un campionato lungo e stancante dove il Campagna ha recitato il ruolo da regina, con il solo Centro Storico unico vero incomodo per la società di patron D’Ambrosio. Ora la domanda sorge spontanea nella calura di giugno e alle soglie del calciomercato estivo: da chi sarà composto il girone F edizione 2017/18? In modo ufficioso, in attesa di conoscere gli esiti di eventuali ripescaggi e la volontà delle società regolarmente aventi diritto di iscriversi o meno al prossimo torneo, si può già abbozzare un quadro provvisorio del futuro girone F. Con le già citate promozioni di Campagna e Centro Storico Salerno, dovrebbero prendere il loro posto le due retrocesse dalla Promozione, ossia la Giffonese e il Santa Cecilia Eboli. In più si aggiungono le new entry provenienti dalla Seconda Categoria, precisamente dai gironi H e I, i due raggruppamenti di riferimento a livello geografico per una composizione provvisoria. Dal primo infatti salgono i fiscianesi del Frazioni Unite e gli angresi del Deportivo Doria, mentre dal secondo troviamo i battipagliesi dell’Atletico Ve.Ca. e i pestani del Licinella. Tre di questi quattro club, in linea teorica, dovrebbero prendere il posto delle retrocesse Honveed Coperchia, Acerno e Polisportiva Baronissi. Sempre geograficamente parlando, con questi verdetti, una tra Deportivo Doria e Licinella saranno indirizzati verso altri gironi, con gli angresi più vicini all’area vesuviana (girone C) e i pestani prossimi al Cilento (girone G). Un altro aspetto fondamentale da tenere presente sarà la voglia di ripescaggi: la Polisportiva Baronissi ha già annunciato che inoltrerà la domanda di riammissione alla Federazione e al contempo ha già scelto il nuovo tecnico per la prossima stagione (Angelo Avellino, ndr), mentre Honveed Coperchia e Acerno non lasciano presagire nulla. Al contempo, bisognerà fare sempre i conti con le altre società aventi diritto: tutte loro si iscriveranno oppure ci saranno sorprese? Tirando le somme, con gli attuali verdetti stagionali, possiamo tracciare in linea generale l’ufficiosa composizione del futuro girone F, per un totale di 16 squadre: Atletico Faiano, Atletico Ve.Ca., Audax Salerno, Fisciano, Frazioni Unite, Giffonese, Giffoni Sei Casali, Olympic Salerno, Real Bellizzi, S. Cecilia Eboli, Simone Fierro FC, Sporting Pontecagnano, Tramonti, Valentino Mazzola Coperchia e Vignale 2009, più una tra Deportivo Doria e Licinella, per i motivi sopracitati. Per ora è solo un quadro provvisorio e ufficioso, a settembre avremo il girone ufficiale.